SCAMBIO CULTURALE CON DELEGAZIONE NIPPONICA

Giapponesi in visita a Villa San Pietro

Nei giorni 17 e 18 novembre il sig. TAKAHASI YOSIAKI, imprenditore e proprietario di una Residenza Psichiatrica a Hokkaido, accompagnato dall’Assistente Sociale Psichiatrica YUKA INOUE e dall’interprete USUBA KUMIKO, ha fatto visita al Centro Terapeutico di Riabilitazione Psichiatrica “Villa San Pietro” di Arco (TN).

L’imprenditore giapponese era presente al Convegno “La Costruzione perseverante di un’alternativa all’Ospedale Psichiatrico Giudiziario”, organizzato dalla Struttura Residenziale Psichiatrica “Le Querce” e tenutosi a Firenze il 7 ottobre 2011.

A tale simposio erano stati invitati il Dr. Stefano Biasi, e il Dr. Carlo Andrea Robotti, rispettivamente Responsabile Sanitario e Consulente Psichiatra di Villa San Pietro, in qualità di rappresentanti dell’alternativa in Trentino Alto Adige di strutture volte al ricovero di soggetti con gravi problemi psichici e autori di reati non trascurabili spesso gravi, in quanto nella nostra struttura sono ospitati 21 soggetti, su un totale di 48, sottoposti a misure di sicurezza da parte dell’Autorità Giudiziaria (libertà vigilata, arresti domiciliari in comunità, licenza esperimento, misure cautelare in attesa di giudizio).

Il sig. TAKAHASI, rimasto incuriosito da quanto esposto dai nostri medici nel breve tempo messo a loro disposizione, ha chiesto di farci visita per approfondire alcuni argomenti.

Durante il primo incontro il dr Biasi ha illustrato agli ospiti la teoria su cui si basa l’operatività di Villa San Pietro.

Il Modello applicato a Villa San Pietro per la riabilitazione di pazienti psichiatrici sottoposti a misura di sicurezza è stato messo a punto negli anni 2005-2008 dal Dr. Stefano Biasi e dal Dr Carlo Andrea Robotti, medico psichiatra e criminologo, consulente di Villa San Pietro.

Tale Modello è stato pubblicato su numerose riviste specialistiche psichiatriche italiane, tra le quali la più importante è “Psichiatria Oggi” (numero 1, Anno XI, Febbraio 2009), che ne ha consacrato l’ufficialità nell’ambito della letteratura scientifica nazionale.

Dal giugno 2010 il Centro è passato di proprietà alla Codess e da allora, il Dr Biasi, in collaborazione con il Responsabile di Struttura Dott. Virgilio, sta cercando di ottimizzare e di migliorare la declinazione pratica del Modello sul piano operativo, sia come efficienza che come efficacia, pur nel pieno rispetto della sua fisionomia originale e delle sue valenze innovative.

Gli ospiti nipponici si sono mostrati meravigliati di come potessero essere gestiti tanti pazienti sottoposti a regime giudiziario al di fuori di un contesto che non sia un Ospedale Psichiatrico Giudiziario, oltretutto in convivenza con altri ospiti che nulla avevano avuto a che fare con la giustizia.

Più ascoltava quanto veniva detto dai due responsabili di Villa San Pietro, più cresceva l’interesse del sig. TAKAHASI a tal punto da fargli esprimere la volontà di applicare il Modello di Villa San Pietro anche in Giappone, in una nuova struttura che lo stesso TAKAHASI ha intenzione di creare.

Gli ospiti si sono accomiatati con la richiesta di una nostra collaborazione nel loro progetto. Collaborazione che saremo ben lieti di offrire.